lunedì 14 gennaio 2013

Meglio sola che male accompagnata

Stamattina quando mi sono svegliata avrei voluto scrivere qualcosa di positivo. Qualcosa dal titolo scemo e banale del tipo Tira fuori il positivo dal negativo e simili. La fine della giornata però si è rivelata diversa. Progressi nello studio zero e inizio seriamente a dubitare che riuscirò a presentarmi. Ancora una volta... Non posso permetterlo. Non voglio e non posso permetterlo.

Il problema è che certe situazioni mi succhiano le energie e mi fanno sentire inutile ed incompetente. Perchè non posso essere una ragazza normale che normalmente frequenta l'università, prepara, sostiene e supera gli esami? Non dovrei lamentarmi così tanto. Mi ritengo fortunata ad avere due genitori, un tetto sulla testa e la salute. Però non riesco a non pensare che deve esserci qualcosa per cui non riesco a mantenere una relazione stabile, seria, su cui poter contare quando tutto fa schfo. Non posso non pensare a tutte quelle persone con cui ho condiviso momenti della mia vita e che oggi non mi salutano nemmeno. E non ne conosco nemmeno il motivo per la maggior parte. Non capisco perchè tutti mi abbandonano sempre. R,O, E, V, G, F, LUI, A, D, L, G. L'elenco è tristemente lungo. E non conosco nemmeno un motivo che ha condotto alla separazione. Ammetto di avere un'idea dell'amicizia abbastanza rigida e forse questo mi porta ad essere esigente.

Per me un amico deve sostenerti, aiutarti, deve farsi aiutare e farsi sostenere, condividere gioie e dolori, non ti deve giudicare anche quando continui ad amare la persona che ti ha quasi ucciso l'anima e il cuore, deve ridere con te ed essere sempre presente (ovviamente nei limitiXD). Un amico deve uscire con te, deve pensarti e capirti, distrarti. In tutti loro io ho cercato questo e non l'ho mai trovato. Mi hanno mentito, nascosto delle cose importanti e messa da parte. Come potevo anche solo pensare di cedere, come potevo anche solo pensare di accettare il compromesso? No, io non sono fatta così. Preferisco stare sola piuttosto che con persone con cui mi sento sola. Alcuni sono semplicemente spariti senza un vero motivo, da un giorno all'altro hanno smesso di mandare sms o hanno smesso di rispondere ai miei, o si sono accidentalmente scordati di salutarmi quando ci trovavamo faccia a faccia. Eppure guardando ciò che hanno adesso non posso fare a meno di pensare che quella con le ossa rotte e il cuore spezzato sono sempre io. Possibile che chi fa del male non paga mai?

Sì, ok sono un po' troppo vendicativa ma io vorrei giustizia per chi ama. Altrimenti tocca smetterla di fidarsi delle persone. Altrimenti tocca chiudersi dentro la stanza. Tu sola dentro la stanza e tutto il mondo fuori, anche se il senso di Vasco forse era un tantino diverso...

Nessun commento:

Posta un commento