venerdì 19 aprile 2013

Clamoroso al Quirinale

Niente Governo, niente Presidente della Repubblica. Ormai il nostro Paese sembra essere il paese del niente... Sì esatto del NIENTE!
Persino la Chiesa è riuscita a compiere una rivoluzione in meno tempo. Stiamo parlando della Chiesa, con le sue convinzioni a mio parere arcaiche. La stessa Chiesa che ancora crede che gli omosessuali siano essere diversi dagli altri, dimenticando che Gesù stesso disse di amare il prossimo tuo come te stesso, e personalmente non ricordo una parte in cui è scritto che bisogna operare una distinzione in merito alle abitudini sentimentali e/o sessuali delle persone ma questo è un argomento che meriterebbe fiumi e fiumi di parole. Sta di fatto che questa stessa Chiesa è riuscita a muovere dei passetti, seppure piccoli verso la modernità. Noi invece no. I nostri politici non riescono a capire che non conta cosa pensa Grillo di Barbara D'Urso, non conta se Bersani e Renzi litigano tra le righe, quello che conta è che il Paese sta raggiungendo livelli di malessere e di disagio senza precedenti.
Ogni giorno nuovi poveri essere umani si tolgono la vita. Possibile che non riescano a sentire il peso di queste vite sulle loro coscienze?? Sono anche loro esseri umani ma sembrano così assuefatti dal potere,dal dio denaro da dimenticare la parte umana di loro.
Non credo alla novità di cui si vestono perchè se siamo a questo punto è anche e sopratutto perchè dimenticano qual è il loro obiettivo fondamentale:il nostro benessere.
Cosa importa se uno vuole ridurre l'Imu e un altro la vuole abolire. Noi abbiamo bisogno di un governo, e se proprio non può essere stabile e garantirsi per tutta la durata della regolare legislatura pazienza. Trovate un punto di incontro e operate le riforme di cui abbiamo bisogno, sia che si chiami Bersani o che si chiami Renzi o Berlusconi.
Anche perchè dopo aver visto cosa sono stati in grado di fare in tutto questo tempo, io onestamente non so proprio per chi votare. Come posso affidare di nuovo la mia vita,quella dei miei cari in mano a degli esseri che non si preoccupano per noi?  Degli esseri che conoscono la situazione italiana e vogliono andare a spendere altri 389,50milioni di euro (http://it.wikipedia.org/wiki/Elezioni_politiche_italiane_del_2013#Numeri_e_costi_delle_elezioni) perchè non riescono a sforzarsi di trovare un punto di incontro? Questi soldi potrebbero essere utilizzati per aiutare le imprese, aiutare i disoccupati, cercare di abbassare la pressione fiscale o per ristabilire il budget per aiutare tutti coloro che hanno un ISEE basso a curarsi. Invece no, dovremmo andare a rivotare. Per chi poi non lo so...
Non sono riusciti nemmeno a mettersi d'accordo per votare il Capo dello Stato. Niente.
Sono seriamente preoccupata, riesco a sentire la preoccupazione celata dei miei genitori, sento il disagio di alcuni conoscenti senza posto di lavoro... E' questo il mondo che vogliamo per i nostri figli? Ricordo una frase di un grande capo indiano che forse i nostri politici dovrebbero tatuarsi addosso. Noi non abbiamo ricevuto la Terra in eredità dai nostri padri ma l'abbiamo presa in prestito dai noistri figli. Bell'Italia che gli restituiremo...
Proprio mentre scrivo questo post mi giunge la notizia della ritira della candidatura di Prodi e di Bersani...Sembra quasi una partita a scacchi ormai. Quale sarà la prossima mossa? Solo tempo ce lo dirà e onestamente ho parecchia paura!

Nessun commento:

Posta un commento